20 Anni di Google e Darwin

Buon Compleanno Google e Buona Riflessione a tutti

Darwin = l’uomo discende dalla scimmia!

Questo è quello che tutti noi più o meno abbiamo in testa, semplificando o forse banalizzando, quanto abbiamo sentito dire o vagamente studiato.

L’evoluzione studiata da Darwin si focalizzava su una evoluzione biologica, genetica, trascurando gli aspetti culturali di pensiero di abitudini e di costume, questo sarà oggetto degli studi dell’ antropologia culturale, dove nel culturale includiamo anche tecnologico.

Darwin ha aperto una via di pensiero e di studio, che ha cambiato molte cose nelle scienze sociali e naturalistiche, è una pietra fondante.

Senza dover esplorare galassie della conoscenza, possiamo riflettere come ogni evoluzione tecnologica ha cambiato le nostre abilità,  alcune sono state accantonate, altre sono nate.

L’avvento del trasporto ci ha fatto perdere un pò di abilità di resistenza fisica, ma ci ha imposto nuove abilità di conduzione di un mezzo.

L’avvento dei cellulari ha fatto sì che non ci ricordassimo più a memoria i numeri di telefono, c’era la rubrica elettronica che lo faceva per noi.

E così via, ma 20 anni fa la nascita dei motori di ricerca, di cui Google è diventato l’imperatore galattico, hanno avuto un impatto devastante, che ci porta a pensare tanto c’è Google.

E’ bene ricordare che Google  non è stato 20 anni fa l’unico motore di ricerca vi sono anche altri esempi italiani , ma a differenza degli altri lui si è evoluto in una visione globale che non si è fermata al motore di ricerca:

  • telefonia mobile Android (certo prima era arrivata Apple)
  • Cloud (certo prima era arrivata Apple)
  • IoT (non hanno inventato Internet delle Cose)
  • Maps
  • Advertising & SEO
  • Mobilità Autonoma
  • Spazio, Google ha finanziato SpaceX
  • ecc.

quant’altro vi venga in mente, la visione globale è stata “scopiazzata” da Microsoft con risultati egregi, ma:

Bing non è Google, Telefonia Microsoft ex Nokia scomparsa, Azure come Cloud benino, sistemi di sviluppo Microsoft, quali Xamarine bene.

Una legge del Marketing, ma io la allargherei in generale, chi prima arriva ad una posizione dominate non ne viene più scalzato, esempio Coca Cola.

Qui però c’è di più, mentre altre realtà sono poco inclini all’evoluzione, Google è l’evoluzione. Forse non inventa niente ma catalizza tutto ciò che è evoluzione.

E se nel nostro futuro anche la politica si evolvesse inglobata dall’Impero Google che oramai detiene ogni informazione quasi in tempo reale su di noi (l’80% degli smartphone è Android).

Solo sui social Google ha peccato di superbia, ignorandoli prima e perdendo appunto il posizionamento primo lasciandolo a Facebook, che non veniva neppure indicizzato.

All’inizio dell’era Social, i risultati della ricerca su una persona non includevano i social in particolare Facebook.

Facebook a sua volta peccava di ancor più superbia pensando che Facebook sarebbe diventato il nuovo Internet.

Torniamo all’evoluzione

  • biologica- genetica
  • culturale (fra cui tecnologica)

l’uomo del presente e futuro prossimo ha demandato alla tecnologia detenuta da Colossi quali Google, molte parti di sé, rinunciando alla privacy ed alcune abilità, ma tende o tenderà alla felicità.

Ecco cosa desidero, è tutto bello bellissimo, ma tutto dovrebbe tendere all’evoluzione che abbia come obiettivo la felicità.

Io credo che in ogni costituzione debba esserci un Articolo Zero:

“Tutti gli esseri umani hanno il diritto inalienabile della felicità”

Quindi aspetto con ansia la App iFelicità.

Buon compleanno Google sei già nei libri di storia

“and now something completely different” (cit. Monty Python)
Werner Heisenberg sta andando in auto felice ma viene fermato da un poliziotto che gli dice <<Ma lo sa a che velocità stava andando???>> Werner 
Heisenberg risponde <<No ma so dove sono!>>


Licenza Creative Commons
20 Anni di Google e Darwin di Alessandro Caraglio è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.

Condividi